Devi fare l'upgrade a Flash Player clicca qui
HOME - VIDEOCATALOGO - PRE-ISCRIZIONE - CONTATTI - LINKS - AREA RISERVATA - CREDITSITALIANO - ENGLISH

Indigeni della Repubblica

regia: Grignaffini Nene, Conversano Francesco, Conversano Francesco, Grignaffini Nene
genere: Societa'
sceneggiatura: Francesco Conversano, Nene Grignaffini
fotografia: Roberto Cimatti
suono:
montaggio: Stefano Barnaba
musiche:
partecipazione: Tahar Ben Jelloun
formato: Digitale DVCAM, 16:9
durata: 50'
anno: 2007
nazione: Italiana
produttore: Rai Educational
produzione: Movie Movie
distribuzione: Rai Educational
   
SINOSSI:
Il viaggio fra i migranti del Magreb iniziato in Partire, Ritornare prosegue in questo secondo documentario che si avvale nuovamente della partecipazione dello scrittore Tahar Ben Jelloun.
Il prologo del film è l'arrivo a Ceuta, enclave spagnola nel Marocco del Nord, in un centro di accoglienza di immigrati. Qui soggiornano coloro, pochi fra le migliaia, che sono riusciti a superare le mille difficoltà di un viaggio per il quale hanno rischiato più volte la vita. Qui aspettano fiduciosi di poter partire per stabilirsi definitivamente in una nazione europea e costruire il loro futuro.
E cosa trovano gli immigrati una volta raggiunta la loro meta tanto sognata? Come cambia la loro vita? Sono cittadini di prima categoria come gli altri? Cosa accade ai loro figli?
Tahar Ben Jelloun ha vissuto a lungo a Parigi e con lui il film esplora le banlieu parigine che diventano l'esempio di una condizione che, pur assumendo forme diverse, presenta caratteristiche comuni in ogni città europea e nel mondo.
Generazione dopo generazione, gli immigrati hanno sperimentato difficoltà e disagi vivendo in una società nella quale presto hanno provato un sentimento di spaesamento, per aver lasciato un mondo di miseria e averne trovato uno di solitudine.
In seguito, grazie al ricongiungimento familiare, il numero degli immigrati subisce un forte incremento e le banlieu diventano in pochi anni città vere e proprie, oggi ribattezzate luoghi di non diritto, dove non è consigliabile vivere e dove la legge non è rispettata, luoghi nei quali recentemente è tornato violentemente alla ribalta il problema delle condizioni di vita e dell'integrazione degli immigrati a Parigi. Le condizioni di Clichy-sous-Bois e delle altre periferie parigine non sono cambiate dopo gli incidenti del 2005.
Ciò che è cambiata è forse una nuova consapevolezza che oggi anima le nuove generazioni di francesi figli dell'immigrazione: coloro che fino alle ultime elezioni presidenziali, dove si è registrato un afflusso alle urne senza precedenti, non erano considerati gruppo di pressione elettorale, coloro che rappresentano il 40 % della disoccupazione nazionale, hanno dato vita a nuove forme aggregative, rivendicando il loro ruolo nella società nella quale sono nati e cresciuti, sfidando e attaccando l'establishment a partire dal nome che si sono dati, Indigeni della Repubblica. Un nome che è anche un manifesto identitario e che esprime la loro visione sul futuro, nella quale si sancisce il diritto di uguaglianza di ogni cittadino di fronte allo Stato e secondo il quale anche gli ultimi immigrati, i cosiddetti sans papiers, possono rivendicare il loro diritto alla legalità , rifiutandosi di vivere nella clandestinità , la nuova schiavitù.

PASSAGGI TV:
Rai Educational su Rai Tre - 21 Novembre 2007
 
© Emilia-Romagna Film Commission / Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna / D.E-R Documentaristi Emilia-Romagna - Cookie